Home » La crisi di COVID in India peggiora
La crisi di COVID in India peggiora

La crisi di COVID in India peggiora

Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo
Getting your Trinity Audio player ready...

L’India ha riportato un numero record globale di casi giornalieri di COVID-19 venerdì mattina presto, la seconda volta in altrettanti giorni che il paese ha registrato più di 300.000 nuovi casi mentre il sistema sanitario del paese collassa.

Un record nazionale di 2.263 morti legate al coronavirus è stato anche riportato venerdì. Tuttavia, proprio come il numero di casi, la cifra è probabilmente molto più alta, dato che molte morti di COVID-19 non sono state certificate.

L’ossigeno scarseggia in tutto il paese, con una rete di ospedali a Nuova Delhi che rifiuta nuovi pazienti fino a quando non sarà possibile ottenere più ossigeno. Il sovraffollamento in altri ospedali ha portato a ulteriori tragedie: 13 persone sono state uccise venerdì dopo un incendio scoppiato in un ospedale vicino a Mumbai. Se segue la morte di 22 pazienti COVID-19 nello stato di Maharashtra mercoledì dopo che un serbatoio di ossigeno che perdeva si è esaurito.

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha incontrato oggi i ministri capi degli stati più colpiti per discutere la crisi, mentre le critiche si alzano sulla gestione della pandemia da parte del suo governo.

Mentre i casi quotidiani sono aumentati più di dieci volte da marzo, “Modi non si è concentrato sulla pandemia ma sulla politica – ed è stato per lo più assente”, scrive Purohit. Il leader indiano ha passato le ultime due settimane a fare campagna per il suo Bharatiya Janata Party (BJP) nelle elezioni regionali del Bengala occidentale, radunando decine di migliaia di sostenitori per raduni di massa. Il governo ha anche permesso a milioni di indiani di riunirsi nello stato di Uttarakhand per il Kumbh Mela, un importante festival indù, nonostante abbia cancellato altre feste religiose in precedenza. (Per saperne di più su come l’India è arrivata a questo punto, leggi l’eccellente South Asia Brief di Michael Kugelman).

Di fronte all’ondata mortale, l’India sta cercando aiuto al di fuori dei suoi confini. Circa 23 impianti mobili per la produzione di ossigeno sarebbero stati trasportati per via aerea dalla Germania per rifornire le scorte in calo.

Anche gli Stati Uniti hanno una parte da giocare, anche se non è chiaro quanto grande. Il senatore Ed Markey ha detto giovedì che gli Stati Uniti hanno un “obbligo morale” di aiutare l’India, suggerendo che potrebbe liberare alcune delle sue scorte di vaccino.

Alla domanda di giovedì se gli Stati Uniti abbiano intenzione di allentare il divieto di esportazione di materie prime per i vaccini sulla base di una richiesta del governo indiano, il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha evitato, sottolineando l’approccio “America first” del suo paese alla vaccinazione. “Non è solo nell’interesse degli Stati Uniti vedere gli americani vaccinati, ma è nell’interesse del resto del mondo vedere gli americani vaccinati”.

Post correlati

Share via
Copy link
Powered by Social Snap