Home » Gli Stati Uniti si confrontano con la Cina sul clima
Gli Stati Uniti si confrontano con la Cina sul clima

Gli Stati Uniti si confrontano con la Cina sul clima

Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo
Getting your Trinity Audio player ready...

L’inviato degli Stati Uniti per il clima John Kerry è oggi a Shanghai per incontrare i funzionari cinesi, mentre i due più grandi emettitori di carbonio del mondo cercano un raro terreno comune in un rapporto non noto per la cooperazione regolare.

I colloqui hanno lo scopo di convincere la Cina a prendere un impegno più forte per gli obiettivi climatici globali prima di un vertice dei leader mondiali ospitato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden il 22 aprile. Quell’incontro è a sua volta un tentativo di gettare le basi prima di una conferenza cruciale delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico, COP 26, che si terrà in Scozia a settembre.

Le discussioni di oggi segneranno la prima visita di un funzionario di gabinetto di Biden in Cina, ed è il primo incontro tra le due nazioni dai colloqui tra alti funzionari diplomatici e della sicurezza nazionale a marzo. Quei colloqui in Alaska sono iniziati in modo acrimonioso, con i funzionari cinesi che hanno elencato una litania di offese degli Stati Uniti nelle loro osservazioni di apertura.

Kerry spera in un’atmosfera più cooperativa nei prossimi giorni – ed è probabile che la ottenga, dato che la proclamazione del presidente cinese Xi Jinping di raggiungere emissioni nette zero entro il 2060 si riverbera attraverso l’apparato politico cinese. Scrivendo su Foreign Policy a marzo, Steven Stashwick ha spiegato perché le parole di Xi potrebbero portare a un vero cambiamento. E come scrive Melinda Liu, la decennale relazione tra Kerry e la sua controparte Xie Zhenhua può aiutare entrambe le parti a tagliare le questioni più spinose che dividono le due nazioni.

Il consumo di carbone della Cina dovrà subire un colpo, e rapidamente, per raggiungere il suo obiettivo del 2060. Uno studio di TransitionZero, una società di analisi del clima, pubblicato oggi, chiede che la Cina prenda quasi 600 impianti a carbone offline nei prossimi 10 anni per raggiungere i suoi obiettivi.

Anche gli utilizzatori di energia non convenzionale dovranno presto essere affrontati. Uno studio pubblicato sulla rivista Nature Communications la scorsa settimana ha scoperto che il 75% del bitcoin mining mondiale – un processo che coinvolge computer speciali ed enormi quantità di energia elettrica – ha luogo in Cina, e gli autori avvertono che l’utilizzo di energia legata al bitcoin in Cina supererà l’intero utilizzo di energia dell’Italia entro il 2024. La regione cinese della Mongolia Interna si sta già preparando a vietare nuovi progetti di criptovaluta dopo aver ricevuto un richiamo da Pechino per l’alto consumo energetico della regione.

Post correlati

Share via
Copy link
Powered by Social Snap