Home » I rapporti USA-Cina: cosa cambia con Biden?
I rapporti USA-Cina: cosa cambia con Biden?

I rapporti USA-Cina: cosa cambia con Biden?

Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo
Getting your Trinity Audio player ready...

Di tutti i molti passi falsi dell’amministrazione Trump in politica estera, la sua posizione conflittuale sulla Cina è stata forse la più sgraziata. Sprazzi di negoziazione sul commercio e la proprietà intellettuale sono stati seguiti da tariffe crescenti sulle importazioni cinesi che sono state pagate dalle aziende statunitensi. Queste hanno provocato azioni cinesi di ritorsione che hanno reso necessarie decine di miliardi di dollari di aiuti agli agricoltori statunitensi decimati dal crollo degli acquisti agricoli cinesi. I duri discorsi dell’ex segretario di stato del presidente Donald Trump, Mike Pompeo, sulle trasgressioni dei diritti umani cinesi sono caduti con un tonfo a causa dell’incapacità di Trump di raccogliere il sostegno internazionale. Le sue minacce sono state rese ancora più sdentate dal ritiro degli Stati Uniti dal partenariato multilaterale Trans-Pacifico.

Anche se si è d’accordo che gli Stati Uniti hanno bisogno di tenere testa alla Cina su alcune questioni, l’approccio di Trump è riuscito solo ad aumentare l’animosità e a ridurre gli investimenti cinesi e gli acquisti dagli Stati Uniti. Non ha cambiato di una virgola i parametri di base della relazione tra i due paesi. Il deficit commerciale è rimasto astronomico (non necessariamente una cosa negativa, ma che Trump ha citato come motivo per le sue politiche), le fabbriche sono rimaste offshore, non c’è stata fine alle violazioni dei diritti umani della Cina, e l’influenza della Cina è aumentata a livello globale.

Ora, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sembra adottare ampie fasce delle politiche di Trump e anche molte delle presunzioni di base dell’ex presidente, vale a dire che la Cina è il principale avversario degli Stati Uniti e che anche se ci sono molte aree di interesse reciproco e di cooperazione tra i due, la competizione è il segno distintivo di una relazione sempre più tesa.

Queste idee erano sbagliate sotto Trump. Lo rimangono sotto Biden.

L’incontro teso della scorsa settimana tra alti funzionari di politica estera statunitensi e cinesi ad Anchorage, Alaska, ha fatto una notizia succosa. I titoli variavano da “I duri colloqui USA-Cina segnalano un inizio roccioso delle relazioni sotto Biden” a “L’amaro incontro in Alaska complica i già traballanti legami USA-Cina”. E il botta e risposta pubblico e apparentemente improvvisato tra il segretario di Stato americano Antony Blinken e il ministro degli Esteri cinese Yang Jiechi è stato davvero molto franco. Blinken ha detto che le azioni della Cina su più fronti, dal trattamento degli uiguri alla soppressione della democrazia a Hong Kong, “minacciano l’ordine basato sulle regole che mantiene la stabilità globale”. Yang ha risposto che il governo degli Stati Uniti “abusa delle cosiddette nozioni di sicurezza nazionale per ostacolare i normali scambi commerciali e incitare alcuni paesi ad attaccare la Cina”. Puzza di ipocrisia, ha continuato, per gli Stati Uniti criticare la Cina sui diritti umani dato il razzismo degli Stati Uniti contro i neri e gli asiatici americani.

Nel resto dei colloqui, la nuova amministrazione Biden ha riaffermato le politiche aggressive dell’amministrazione Trump di trattare la Cina come il principale avversario degli Stati Uniti. L’ostilità era evidente, e non si è parlato molto di un prossimo round di accordi commerciali o dell’eliminazione delle tariffe attualmente applicate dal governo americano sulle importazioni cinesi. Infatti, l’incontro è stato preceduto e seguito da annunci di ulteriori sanzioni statunitensi contro i funzionari cinesi per le violazioni dei diritti umani a Hong Kong e contro gli uiguri nello Xinjiang.

Per essere onesti con il team di Biden, una posizione conflittuale verso la Cina gode di un ampio sostegno pubblico. L’idea che la Cina sia un avversario emergente che minaccia la posizione a lungo termine degli Stati Uniti e potenzialmente l’ordine globale è diffusa. Un recente sondaggio Gallup ha rilevato che quasi la metà di tutti i cittadini statunitensi vedono la Cina come il più grande nemico del loro paese, quasi il doppio del tasso dello scorso anno. Inoltre, la maggioranza delle persone crede che la Cina sia una minaccia economica per gli Stati Uniti e per il futuro benessere dei singoli americani. Anche se è difficile trovare buoni dati di sondaggio in Cina, i post sui social media e altri modi assortiti di misurare l’opinione rendono giusto dire che molti in Cina condividono opinioni altrettanto ostili degli Stati Uniti.

Il fatto, tuttavia, che l’opinione popolare veda la Cina come una minaccia non significa che la politica debba essere determinata su questa base. L’opinione pubblica è particolarmente volubile e variabile sulle questioni di politica estera, e dipende molto da come i funzionari e i media le inquadrano. La maggior parte degli americani nel 1959 erano convinti che ci fosse un divario missilistico con l’Unione Sovietica che metteva in pericolo gli Stati Uniti, perché era quello che sentivano ogni giorno. Ma non c’era, e l’opinione pubblica era un derivato della messaggistica pubblica, non viceversa. Oggi, il senso che la Cina rappresenta una minaccia è profondo ma anche incoerente.

Durante la guerra fredda, c’era una paura legittima, anche se esagerata, che un mondo di stati comunisti avrebbe ostacolato economicamente gli Stati Uniti. Oggi, una paura parallela di una potenza emergente con un’ideologia interna in contrasto con la democrazia liberale occidentale

Post correlati

Share via
Copy link
Powered by Social Snap