Home » La NASA alla scoperta del pianeta Venere
La NASA alla scoperta del pianeta Venere

La NASA alla scoperta del pianeta Venere

Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo
Getting your Trinity Audio player ready...

La NASA ha annunciato che condurrà due nuove missioni sul pianeta Venere, un vicino interstellare a lungo studiato della Terra, nel tentativo di imparare di più su come si è sviluppato il suo ambiente.

Entrambe le missioni sono state sviluppate da un pool di quattro potenziali missioni e selezionate in base al loro “potenziale valore scientifico” e alla fattibilità del piano di progettazione.

Chiamate DAVINCI+ (Deep Atmosphere Venus Investigation of Noble gases, Chemistry, and Imaging) e VERITAS (Venus Emissivity, Radio Science, InSAR, Topography, and Spectroscopy), ciascuna riceverà circa 500 milioni di dollari per lo sviluppo. Entrambi dovrebbero essere lanciati intorno al 2028-2030.

“Stiamo accelerando il nostro programma di scienza planetaria con un’intensa esplorazione di un mondo che la NASA non visita da oltre 30 anni”, ha detto Thomas Zurbuchen, amministratore associato della NASA per la scienza. “Utilizzando tecnologie all’avanguardia che la NASA ha sviluppato e perfezionato in molti anni di missioni e programmi tecnologici, stiamo inaugurando un nuovo decennio di Venere per capire come un pianeta simile alla Terra possa diventare una serra. I nostri obiettivi sono profondi. Non si tratta solo di capire l’evoluzione dei pianeti e l’abitabilità nel nostro sistema solare, ma di estendere oltre questi confini agli esopianeti, un’area di ricerca eccitante ed emergente per la NASA”.

DAVINCI+ lavorerà per misurare la composizione dell’atmosfera di Venere per capire quanto possa essere simile o meno alla Terra. Una sfera di discesa sarà calata nell’atmosfera del pianeta per misurare la presenza di gas nobili e altri elementi.

Sarà la prima missione guidata dagli Stati Uniti su Venere dal 1978.

VERITAS si concentrerà alternativamente sulla superficie di Venere per tracciare meglio la sua storia geologica e perché si è sviluppata così diversamente dalla Terra nonostante condivida caratteristiche simili.

I ricercatori che lavorano su VERITAS creeranno mappe 3D della topografia di Venere per valutare se l’attività vulcanica e altre tettoniche sono ancora attive su Venere.

“È stupefacente quanto poco sappiamo di Venere, ma i risultati combinati di queste missioni ci diranno del pianeta dalle nuvole nel suo cielo attraverso i vulcani sulla sua superficie fino al suo nucleo”, ha detto Tom Wagner, scienziato del programma Discovery della NASA. “Sarà come se avessimo riscoperto il pianeta”.

Post correlati

Share via
Copy link
Powered by Social Snap