Home » Stop alla carne per colpa degli hacker
Stop alla carne per colpa degli hacker

Stop alla carne per colpa degli hacker

Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo
Getting your Trinity Audio player ready...

JBS, il più grande produttore di carne del mondo, ha dovuto fermare la produzione e la distribuzione di carne a causa di un attacco ransomware che ha paralizzato le sue operazioni, costringendo tutti gli impianti di carne bovina degli Stati Uniti a chiudere, fermando il lavoro nelle fabbriche in Canada e Australia.

In un mercato fortemente consolidato, JBS, di proprietà brasiliana, rappresenta quasi un quarto della fornitura di carne bovina degli Stati Uniti.

Anche se gli hacker a livello statale non sono stati coinvolti, la JBS ha informato la Casa Bianca che l’hacking proviene da un gruppo criminale probabilmente basato in Russia.

“La Casa Bianca si sta impegnando direttamente con il governo russo su questa questione” ha dichiarato Karine Jean-Pierre, il principale vice addetto stampa della Casa Bianca, aggiungendo che gli Stati Uniti avrebbero trasmesso il messaggio che “gli Stati responsabili non ospitano criminali di ransomware”.

Bloomberg ha identificato il gruppo coinvolto come REvil (o Sodinokibi), una nota “cybergang” con collegamenti russi.

I problemi di JBS arrivano sulla scia di un attacco ransomware su Colonial Pipeline, che ha brevemente fermato i flussi di benzina verso la costa orientale degli Stati Uniti. La situazione è stata alla fine risolta, ma non prima che le stazioni di servizio fossero state prosciugate in diversi stati a causa del panico da acquisto.

La violazione della JBS è probabile che aumenti le richieste di standard di cybersicurezza più elevati per le imprese private nei settori essenziali, un’area non toccata in un recente ordine esecutivo presidenziale che istituisce una revisione dei sistemi di cybersicurezza del governo federale. È anche un campanello d’allarme per l’oligopolio dell’industria della carne degli Stati Uniti. “Attacchi come questo evidenziano le vulnerabilità nella sicurezza della catena di approvvigionamento alimentare della nostra nazione, e sottolineano l’importanza di diversificare la capacità di lavorazione della carne della nazione”, ha detto martedì il senatore John Thune.

L’evento giunge in un momento in cui la carne bovina sta aumentando di prezzo, spinta dall’aumento della domanda cinese, dalle carenze di lavoratori legate alla pandemia e dall’aumento dei costi dei mangimi. La stretta sulla carne bovina non è stata aiutata dall’Argentina, il quinto più grande fornitore di carne bovina al mondo, che recentemente ha fatto il passo drammatico di fermare le esportazioni di carne bovina per 30 giorni nel tentativo di domare l’inflazione incontrollata.

L’aumento coincide con un aumento del prezzo del cibo in tutto il mondo. Un rapporto di maggio dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura ha rilevato che i prezzi alimentari globali sono ai massimi dal 2014 e sono aumentati per 11 mesi consecutivi.

Post correlati

Share via
Copy link
Powered by Social Snap