Home » La Cina riduce drasticamente i seggi elettivi nella legislatura di Hong Kong
La Cina riduce drasticamente i seggi elettivi nella legislatura di Hong Kong

La Cina riduce drasticamente i seggi elettivi nella legislatura di Hong Kong

Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo
Getting your Trinity Audio player ready...

La Cina ha ridotto drasticamente il numero di seggi eletti direttamente nella legislatura di Hong Kong in una battuta d’arresto per il movimento democratico già assediato del territorio.

I cambiamenti sono stati annunciati martedì dopo una riunione di due giorni della massima autorità legislativa cinese.

La legislatura sarà ampliata a 90 seggi, e solo 20 saranno eletti dal pubblico. Attualmente, la metà dei 70 seggi della legislatura – 35 seggi – è eletta direttamente.

La mossa fa parte di uno sforzo in due fasi per contenere la protesta politica e l’opposizione a Hong Kong, che fa parte della Cina ma ha avuto un sistema politico più liberale come ex colonia britannica. La Cina ha imposto una legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong l’anno scorso e sta seguendo quest’anno con un rinnovamento del processo elettorale.

Il giro di vite arriva sulla scia di mesi di proteste pro-democrazia nel 2019, che hanno portato centinaia di migliaia di persone nelle strade e sono diventate violente quando il governo ha resistito alle richieste del movimento.

“È un giorno molto triste per Hong Kong. Il sistema elettorale è completamente smantellato”, ha detto l’ex legislatrice e membro del Partito Democratico Emily Lau.

“Si sbarazzeranno delle voci dell’opposizione perché con questo nuovo sistema, che è così oppressivo e restrittivo, non credo che nessun individuo che si rispetti vorrà partecipare”, ha detto Lau.

Il massimo organo legislativo cinese, il Comitato permanente dell’Assemblea nazionale del popolo, ha modificato la costituzione di Hong Kong per aprire la strada ai cambiamenti. Il governo di Hong Kong è ora incaricato di rivedere le sue leggi elettorali e tenere le elezioni.

Nell’attuale legislatura di 70 membri, gli elettori eleggono metà dei membri e l’altra metà è scelta da circoscrizioni che rappresentano varie professioni e gruppi di interesse. Molte delle circoscrizioni sono a favore di Pechino, assicurando a quest’ala una maggioranza nella legislatura.

Il nuovo organo avrà 20 membri eletti, 30 scelti dalle circoscrizioni e 40 da un comitato elettorale che sceglie anche il leader della città.

Il comitato, che sarà ampliato da 1.200 a 1.500 membri, è dominato dai sostenitori del governo centrale di Pechino.

I candidati alle elezioni saranno sottoposti al controllo della polizia di sicurezza nazionale e di un comitato che sorveglia la sicurezza nazionale della città.

Un nuovo organismo separato sarà anche istituito per esaminare le qualifiche dei candidati alle cariche di Hong Kong, per garantire che la città sia governata da “patrioti”, nel linguaggio del governo centrale.

A metà marzo, il Congresso Nazionale del Popolo ha approvato una proposta che autorizza il Comitato Permanente a modificare la Legge Fondamentale, la costituzione che governa Hong Kong da quando l’ex colonia britannica è stata consegnata alla Cina nel 1997 con il sistema “un paese, due sistemi” che le ha promesso una semi-autonomia per 50 anni.

Il leader di Hong Kong Carrie Lam ha detto in una conferenza stampa martedì che il nuovo comitato per esaminare i candidati sarà composto da alcuni funzionari governativi che sono anche di fiducia del governo centrale.

Lam ha respinto le preoccupazioni che i cambiamenti influenzeranno i piani della città per raggiungere il suffragio universale e permettere ai residenti di votare per il loro leader.

“Posso anche dire molto categoricamente che il governo centrale è molto sincero nel dare al popolo di Hong Kong la cosiddetta più democrazia, cioè il suffragio universale”, ha detto Lam.

Ha incolpato i legislatori pro-democrazia per essersi opposti nel 2014 a una proposta che avrebbe permesso ai residenti di votare per il capo dell’esecutivo a condizione che Pechino controllasse i candidati.

“Mentre andiamo avanti con l’attuale serie di miglioramenti in atto, poi in conformità con la situazione reale di Hong Kong e in modo ordinato e graduale … Sono abbastanza sicuro che avremo ancora il suffragio universale nella selezione del capo dell’esecutivo”, ha detto.

Dobbiamo solo agire di concerto e assicurarci di non allontanarci dal concetto fondamentale di “un paese, due sistemi”.

L’opposizione politica a Hong Kong – che ha cercato più democrazia – vede i cambiamenti come parte di uno sforzo più ampio per tenerli fuori dalla carica.

Il presidente del Partito Democratico Lo Kin-hei ha detto che ci sono domande se il nuovo sistema “può effettivamente riflettere ciò che la gente di Hong Kong pensa e ciò che la gente di Hong Kong crede”.

Lo ha detto che i membri del Partito Democratico stanno ancora discutendo se intendono candidarsi alle elezioni.

“Tutti questi cambiamenti influiranno su come discutiamo e su come i membri del nostro partito pensano al sistema elettorale, e se ci divertiremo o meno alle elezioni in futuro”, ha detto.

In parte, si tratta della definizione di patrioti. L’opposizione ha cercato di bloccare la legislazione facendo ostruzionismo in un comitato legislativo chiave per mesi e interrompendo i lavori legislativi.

Pechino, che dà la priorità alla stabilità politica, vede queste azioni come un’interferenza con il governo di Hong Kong e vuole tenere questi attori fuori dal governo.

Una dichiarazione dell’Ufficio per gli affari di Hong Kong e Macao di Pechino ha detto che la sicurezza nazionale di Hong Kong

Post correlati

Share via
Copy link
Powered by Social Snap