Home » Vaccino COVID in Africa: ecco i miti da sfatare
Vaccino COVID in Africa: ecco i miti da sfatare

Vaccino COVID in Africa: ecco i miti da sfatare

Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo
Getting your Trinity Audio player ready...

Il lancio dei vaccini COVID-19 doveva essere una luce alla fine del tunnel della pandemia. Eppure, così come la fornitura di vaccini è aumentata in Africa, è aumentata anche la disinformazione sulla loro sicurezza ed efficacia.

I timori sui vaccini vanno dalla semplice mancanza di informazioni a teorie cospirative inverosimili. Le preoccupazioni nel continente sono aumentate dopo che diversi paesi europei hanno smesso di usare il vaccino AstraZeneca dell’Università di Oxford in seguito a rapporti di coagulazione del sangue tra un piccolo campione di destinatari. Mentre questi paesi hanno ripreso l’uso di questo vaccino, i dubbi nella mente di molti africani permangono.

I commenti di importanti leader africani hanno creato ulteriore confusione e sfiducia. Il presidente del Madagascar Andry Rajoelina ha respinto del tutto i vaccini, preferendo invece promuovere un rimedio a base di erbe non testato, come cura per la malattia.

Un sondaggio dei Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) mostra che l’esitazione del vaccino sta aggravando la minaccia della COVID. Più della metà degli intervistati in 15 paesi ad alto rischio ha detto che la gravità della COVID-19 è esagerata. In Uganda, solo 350.000 persone si sono presentate per fare il vaccino, anche se 960.000 dosi di vaccino sono diventate disponibili a febbraio. Secondo l’OMS, 22 paesi africani hanno utilizzato meno di un quarto dei vaccini forniti. Nel maggio 2021, il Malawi ha incenerito 20.000 vaccini scaduti, diventando il primo paese africano a farlo. Il Sud Sudan prevede di scartare 59.000 colpi, mentre la Repubblica Democratica del Congo dice che non può usare la maggior parte dei 1,7 milioni di dosi che ha ricevuto all’inizio di quest’anno.

Quindi, quali sono alcuni dei miti chiave che circolano nel continente?

Mito: il COVID non esiste

In realtà, il COVID-19 è stato confermato in ogni paese del mondo. Il CDC Africa avverte che la COVID è molto reale. Ci sono stati 4,7 milioni di casi positivi e oltre 127.000 decessi noti di COVID-19 nel continente. A causa delle limitate capacità di test, le cifre reali sono probabilmente diverse volte più grandi.

Nel frattempo, il virus è in continua evoluzione. In alcuni casi, le nuove varianti sono più trasmissibili e mortali dell’originale. Una variante originaria dell’India è stata individuata per la prima volta in Africa, in Uganda, il 29 aprile 2021. Nel giro di poche settimane, la variante indiana si è diffusa in almeno altri otto paesi africani. Attualmente, ci sono una mezza dozzina di varianti COVID attive nel continente. I bassi tassi di vaccinazione nel continente danno al virus l’opportunità di produrre mutazioni e sfuggire al controllo, in tutta l’Africa e potenzialmente in tutto il mondo.

Mito: il COVID è stato inventato dal mio governo per mantenere il potere

Lo scetticismo di COVID è stato esacerbato in alcuni paesi quando i governi hanno politicizzato il virus. L’Uganda ne è un esempio. Dopo aver preso misure tempestive e proattive, il partito dominante National Resistance Movement è stato accusato di non rispettare le linee guida sanitarie mentre combatteva un’aspra campagna elettorale contro la rivale National Unity Platform. L’umore dell’opinione pubblica è passato dalla cooperazione alla sfida quando le forze di sicurezza sono state accusate di applicare le linee guida del COVID-19 in modo selettivo contro gli oppositori.

La situazione è peggiorata quando il ministro della salute, senza maschera, è stato visto radunare massicce folle del NRM contro le sue stesse direttive. Attualmente, pochi ugandesi osservano le linee guida sanitarie per prevenire la diffusione del COVID-19. Questo si riflette nei bassi tassi di vaccinazione. Altri sostengono che i bassi tassi di infezione dell’Uganda “provano” che il governo sta esagerando il rischio del COVID-19 per un guadagno politico.

L’Uganda non è sola ad affrontare questa sfida: un simile scollamento tra governi e cittadini ha alimentato l’esitazione del vaccino in altri paesi, in particolare quelli che hanno recentemente subito elezioni controverse, come Burundi, Ciad, Tanzania, Benin, Gibuti e Repubblica del Congo.

Mito: i vaccini sono pericolosi

Un mito sostiene che i virus vivi sono iniettati nel corpo e che gli individui possono morire dopo la vaccinazione. Un altro dice che i vaccini causano infertilità o gravi effetti collaterali che sono peggiori del contrarre il virus. Altre teorie di cospirazione affermano che i vaccini sono in realtà veleni che alterano il DNA per ridurre la popolazione dell’Africa. Sostengono anche che i vaccini sono una copertura per impiantare microchip rintracciabili, e che il fondatore di Microsoft Bill Gates e il governo degli Stati Uniti sono dietro tutto questo.

Molti miti sulla sicurezza dei vaccini possono essere ricondotti agli attivisti anti-vaccini, che hanno usato i social media per amplificare le paure infondate dei vaccini COVID.

La realtà è che l’OMS ha approvato per l’uso pubblico tutti i vaccini attualmente disponibili in Africa attraverso la struttura COVID-19 Global Access (COVAX) dell’OMS: Astrazeneca, Moderna, Pfizer, Johnson & Johnson e Sinopharm.

Attualmente, ci sono tre tipi di vaccini COVID:

I vaccini a RNA messaggero (mRNA) come Pfizer e Moderna non sono una forma del virus. Usano mRNA geneticamente modificati per “insegnare” alle cellule a produrre pezzi innocui della proteina spike (proteina S) che si trova sulla superficie del coronavirus. Il corpo li riconosce come intrusi e crea anticorpi per estinguerli.
I vaccini vettoriali come Johnson & Johnson e AstraZeneca inseriscono materiale genetico dal virus in un virus vivo indebolito che istruisce il corpo a fare copie della proteina S. Questo innesca il sistema immunitario a produrre anticorpi e globuli bianchi difensivi per combattere il virus se si viene infettati.
I vaccini a subunità proteiche come Novavax usano parti del virus COVID-19 per stimolare il sistema immunitario. L’innocua proteina S “inganna” il corpo a produrre anticorpi che combattono l’infezione se ci si ammala.

Gli effetti collaterali indicano che gli anticorpi sono stati prodotti e stanno combattendo il materiale innocuo introdotto nel corpo. In breve, è un segno che il sistema immunitario è stato innescato per proteggere qualcuno se viene infettato. Gli effetti collaterali riportati sono stati per lo più da lievi a moderati e di breve durata. Effetti collaterali più gravi sono possibili ma estremamente rari, e le possibilità di morte sono minime. Questo si confronta con un tasso di mortalità del 2,7% per gli africani che hanno contratto il virus. Non ci sono prove che nessuno dei vaccini causi infertilità o malattie terminali.

Mito: il COVID non rappresenta una seria minaccia per gli africani

Questa teoria è circolata nei circoli dei social media africani durante l’epidemia iniziale. Sostiene che “il COVID-19 uccide solo i bianchi” e che le persone di colore hanno una “immunità genetica”. Il mito è persistito, alimentato in parte dai tassi di infezione e di morte più bassi in Africa rispetto all’Europa e al Nord America.

In realtà, gli studi hanno dimostrato che i paesi africani sono stati in grado di rallentare il virus attraverso un’azione precoce e un elevato sostegno pubblico per il distacco sociale nelle fasi iniziali della pandemia. Questa risposta è stata completata da un approccio alla salute pubblica incentrato sulla prevenzione delle malattie infettive, una demografia giovane e poche case di riposo, forti reti di operatori sanitari a livello di comunità ed esperienza con le pandemie. Alcuni studi hanno esplorato possibili “ipotesi genetiche”, ma queste sono state respinte con enfasi dai principali immunologi africani.

Essi hanno sostenuto che se l’ascendenza africana fosse stata una fonte di resilienza genetica o immunologica, allora le persone di origine africana in Nord America e in Europa avrebbero dovuto essere più resistenti al virus, il che non è avvenuto. La scienza dice che la diffusione del COVID-19 può essere mitigata praticando comportamenti di salute pubblica responsabili, come indossare maschere, mantenere le distanze sociali, evitare grandi congregazioni di persone e lavarsi spesso le mani. Queste misure preventive possono mantenere le persone in salute e fuori dalla terapia intensiva, fino a quando le vaccinazioni saranno disponibili.

Mito: COVID non colpisce i giovani

In realtà, a differenza del virus originale, la variante B.1.1.7 (Regno Unito) che si è diffusa rapidamente in Africa sta infettando i giovani a un tasso molto più alto. Anche le nuove varianti in India si stanno diffondendo rapidamente tra le popolazioni giovani. Inoltre, ci sono alcune prove che queste nuove varianti, piuttosto che sfruttare semplicemente i sistemi immunitari compromessi, stanno causando una reazione eccessiva di alcuni giovani sistemi immunitari sani, con conseguente grave infiammazione e altri sintomi gravi. I giovani sono anche suscettibili agli effetti a lungo termine del COVID-19 – i cosiddetti “long-haulers”, che sperimentano affaticamento cronico, dolore al petto, mancanza di respiro e nebbia cerebrale mesi dopo la loro infezione. I giovani adulti possono anche essere trasmettitori asintomatici del virus, costituendo un rischio per la salute pubblica della comunità in generale. Far vaccinare i giovani, quindi, è un passo fondamentale per proteggere le loro comunità e aiutare a superare la pandemia.
Mito: Cina, Russia e Stati Uniti sono in competizione tra loro mentre cercano di uccidere gli africani e ridurre la nostra popolazione per i loro interessi.

Secondo l’Africa CDC, la metà degli africani crede che la COVID sia stata pianificata da potenze straniere. “È stata inventata come una finta malattia dalla Cina e dall’America per rovinare la nostra economia perché hanno visto quanto ci stiamo avvicinando a loro”, dice un cittadino tanzaniano. Un altro mito comune sostiene che il COVID-19 sia un’arma biologica creata da grandi potenze per promuovere i propri interessi.

Questo mito si basa su alcune delle narrazioni sui vaccini che sono state promosse. La Cina ha deriso la risposta statunitense al COVID e si è ritratta come una potenza mondiale emergente più “competente”.

Nel 2020, i funzionari della sanità pubblica negli Stati Uniti hanno espresso scetticismo sulle affermazioni cinesi e russe di aver sviluppato i vaccini prima dei test. La Cina, a sua volta, ha usato il suo vasto apparato mediatico in Africa per amplificare numerose narrazioni COVID, tra cui che le iniezioni di Pfizer e Moderna erano rischiose. Le campagne di disinformazione russe hanno anche giocato sulla gravità degli effetti collaterali del vaccino.

In realtà, gli Stati Uniti, la Cina e la Russia hanno usato gli stessi vaccini disponibili in Africa – Astrazeneca, Moderna, Pfizer, Johnson & Johnson, Sinopharm e Sputnik V – per vaccinare in sicurezza decine di milioni di persone. Questi vaccini (a parte il russo Sputnik V) sono stati tutti approvati dall’OMS e comprendono le stesse marche disponibili attraverso la struttura COVAX. Nel febbraio 2021, l’autorevole rivista medica Lancet ha trovato che il vaccino russo Sputnik V sembra essere sicuro ed efficace.
Mito: I tonici tradizionali mi cureranno. Non ho bisogno di vaccini.

Le comunità africane hanno una cultura di lunga data dell’auto-cura, con le persone che vanno in ospedale solo quando sono gravemente malate. Disturbi non complicati come raffreddori, febbre e congestione del torace vengono trattati con rimedi tradizionali e conoscenze locali. Come dimostrato da numerose indagini, le comunità africane considerano in gran parte la COVID-19 come una malattia che attacca le vie respiratorie e causa gravi sintomi simili alla malaria, come brividi e febbre alta. Tuttavia, questi sono ancora visti come gestibili attraverso trattamenti tradizionali, dato che i protocolli di trattamento standard non erano disponibili durante l’epidemia iniziale. Paesi come il Madagascar hanno incoraggiato attivamente i cittadini a bere vari tonici, anche se successivamente ha invertito la rotta e ora sta portando avanti una campagna di vaccinazione diffusa. La Tanzania ha incoraggiato la preghiera e le bevande a base di erbe, comunemente note in Africa orientale come “dawa”, prima di abbracciare un approccio basato sulla scienza dopo che il presidente Samia Suluhu Hassan è entrato in carica nel marzo 2021.

Infatti, i dati scientifici mostrano che la COVID non è “un altro tipo di influenza” che può essere curata con rimedi casalinghi. Alcune varianti altamente trasmissibili come quella indiana, keniota e tanzaniana non presentano nemmeno sintomi influenzali e attaccano direttamente i polmoni. Nel settembre 2020, l’OMS e il CDC africano hanno deciso di testare l’efficacia dei rimedi erboristici africani per il coronavirus. Finché questi non saranno approvati per la produzione rapida, non sono cure scientificamente provate per il COVID-19.

I miti sul vaccino del coronavirus stanno inducendo le comunità africane a ritardare la vaccinazione in un momento in cui circolano nuove varianti, più trasmissibili e più letali. I funzionari della sanità pubblica africana, i leader politici e civili e le celebrità hanno tutti un ruolo importante da svolgere nella costruzione della fiducia nel vaccino nel continente. Questi sforzi di educazione pubblica devono essere accoppiati a piani di vaccinazione completi se l’Africa vuole essere protetta dal COVID-19 e ridurre il potenziale per l’emergere di nuove varianti che possono ritardare lo sforzo globale per porre fine a questa pandemia.

L’esitazione del vaccino ha una lunga storia in Africa. Tuttavia, l’Africa ha raggiunto un notevole successo con alcune campagne di vaccinazione, compreso un tasso di vaccinazione del 99% contro la polio. Questo è avvenuto dopo decenni di sforzi incessanti da parte di governi, operatori sanitari, ONG e cittadini. Proprio nell’ultimo anno, i vaccini hanno aiutato a contenere le epidemie di Ebola in Africa occidentale e centrale. La fiducia del pubblico ha giocato un ruolo importante in queste campagne. Ripristinare la fiducia nella campagna del vaccino COVID richiederà di respingere i miti sui vaccini e di creare un ambiente incentrato sulle persone, trasparente e inclusivo.

Post correlati

Share via
Copy link
Powered by Social Snap