Home » New York cerca di voltare pagina sulla pandemia
New York cerca di voltare pagina sulla pandemia

New York cerca di voltare pagina sulla pandemia

Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo
Getting your Trinity Audio player ready...

Più di un anno dopo che l’arresto del coronavirus ha mandato “la città che non dorme mai” in un sonno profondo, New York potrebbe essere di nuovo sveglia quest’estate.

A partire da mercoledì, i newyorkesi vaccinati potrebbero togliersi le maschere nella maggior parte delle situazioni, e ristoranti, negozi, palestre e molte altre attività commerciali potrebbero tornare a pieno regime se accertano che tutti i clienti sono stati vaccinati.

Le metropolitane hanno ripreso a funzionare 24 ore su 24 questa settimana. I coprifuoco di mezzanotte per bar e ristoranti saranno eliminati entro la fine del mese. I biglietti per Broadway sono di nuovo in vendita, anche se il sipario non si alzerà su nessuno spettacolo fino a settembre.

I funzionari dicono che ora è il momento di New York di scrollarsi di dosso l’immagine di una città messa in ginocchio dal virus la scorsa primavera – un recupero reso in modo struggente sull’ultima copertina della rivista The New Yorker. Mostra una porta gigante parzialmente aperta sullo skyline della città, lasciando entrare un raggio di luce.

La Grande Mela è tornata al suo vecchio e sfacciato aspetto?

“Forse al 75%. … Sta decisamente tornando alla vita”, ha detto Mark Kumar, 24 anni, un personal trainer.

Ma Ameen Deen, 63 anni, ha detto: “Un pieno senso di normalità non arriverà presto. Ci sono troppi morti. C’è troppa sofferenza. C’è troppa disuguaglianza”.

La scorsa primavera, la più grande città d’America è stata anche il punto caldo del coronavirus più letale della nazione, il luogo di oltre 21.000 morti in soli due mesi. I pazienti neri e ispanici sono morti a tassi nettamente più alti dei bianchi e degli asiatici americani.

Gli ospedali traboccavano di pazienti e cadaveri. Rimorchi refrigerati sono serviti come obitori temporanei, e tende sono state allestite a Central Park come reparto COVID-19. Le strade frenetiche di New York caddero in silenzio, tranne che per le sirene delle ambulanze e gli scoppi notturni di applausi dalle finestre degli appartamenti per gli operatori sanitari.

Dopo un anno di riflussi, ondate, riaperture e chiusure, la città spera che le vaccinazioni stiano invertendo la tendenza per sempre. Circa il 48% dei residenti ha avuto almeno una dose finora. I decessi sono stati circa due dozzine al giorno nelle ultime settimane, e i nuovi casi e i ricoveri sono crollati da un’ondata invernale.

Ampie zone del paese e del mondo si stanno anche muovendo verso la normalità dopo una crisi accusata di 3,4 milioni di morti a livello globale, tra cui più di 587.000 negli Stati Uniti.

I casinò di Las Vegas stanno tornando al 100% della capacità e nessun requisito di allontanamento sociale. Disneyland in California ha aperto alla fine del mese scorso dopo essere stato chiuso per più di 400 giorni. Il Massachusetts questa settimana ha annunciato che tutte le restrizioni sui virus scadranno il weekend del Memorial Day.

I festival musicali estivi come Lollapalooza sono tornati, la Indy 500 si sta preparando per più di 100.000 fan, e il governo federale dice che gli adulti completamente vaccinati non hanno più bisogno di indossare maschere.

Anche la Francia ha riaperto mercoledì, con la Torre Eiffel, i caffè e i cinema parigini e il Louvre che hanno riportato i visitatori per la prima volta dopo mesi.

A New York, il sindaco Bill de Blasio ha dichiarato “l’estate di New York City”.

Mentre il requisito della maschera si è attenuato in tutto lo stato mercoledì, le imprese si sono confrontate con l’applicazione di regole diverse per le persone vaccinate e non vaccinate. La catena di studi di fitness SLT ha pianificato di iniziare a controllare le carte dei vaccini giovedì per determinare chi potrebbe lavorare senza maschera.

Tuttavia, la fondatrice Amanda Freeman ha applaudito il cambiamento – “L’unica parte complicata di questo è che è complicato”, ha detto.

Alcune persone hanno mostrato i loro volti per le strade della città, mentre altri indossavano ancora le maschere.

L’avvocato pubblico della città Jumaane Williams ha esortato la gente a continuare a mascherarsi, almeno al chiuso.

“Non vogliamo mettere le persone che non hanno ancora ricevuto il vaccino in una posizione in cui potrebbero essere stigmatizzate o sottoposte a pressioni per non indossare una maschera”, ha detto.

Ci sono altri segni che New York sta riacquistando la sua vivacità. Circa 80.000 impiegati della città sono tornati ai loro uffici almeno a tempo parziale questo mese; altri stavano già lavorando di persona.

Il numero di passeggeri della metropolitana e dei treni pendolari è in media circa il 40% del normale dopo essere sceso al 10% la scorsa primavera, quando il sistema della metropolitana ha iniziato a chiudere per diverse ore durante la notte per la prima volta nei suoi oltre 115 anni di storia.

Shakeem Brown, un artista e un fattorino che lavora fino a tardi a Manhattan, ha trascorso fino a tre ore a notte per tornare al suo appartamento nel Queens prima che il servizio 24/7 riprendesse lunedì. Brown, 26 anni, ha detto che è “rinfrescante” vedere le cose aprirsi.

All’e’s Bar nell’Upper West Side di Manhattan, “sentiamo l’energia” della vita sociale che si sta intensificando, ha detto la co-proprietaria Erin Bellard. “La gente è così eccitata di essere fuori”.

Eppure, gli incassi al bar e al grill sono scesi di circa il 35% a causa delle restrizioni pandemiche sulle ore e sulla capacità, ha detto. L’imminente fine del coprifuoco di mezzanotte darà al bar altre due ore cruciali, e i proprietari stanno valutando se recuperare la piena capacità richiedendo le vaccinazioni.

Da altri punti di vista, la “normalità” sembra più lontana.

I marciapiedi e i grattacieli del centro di Manhattan, per esempio, sono ancora notevolmente vuoti. I grandi datori di lavoro aziendali in gran parte non stanno cercando di riportare più lavoratori fino all’autunno, e solo se sentono che è sicuro, ha detto Kathryn Wylde, CEO della Partnership per New York City, un gruppo di datori di lavoro importante.

“Chiudere è stato facile. Riaprire è difficile”, ha detto Wylde. “Tutti i datori di lavoro dicono che c’è ancora paura e una certa resistenza a tornare”.

Oltre alle paure dei virus, le aziende e i lavoratori si interrogano sulla sicurezza, ha detto.

Il crimine in città è diventato una crescente fonte di preoccupazione, ma è un quadro complicato. Omicidi, sparatorie, aggressioni e furti d’auto sono aumentati nei primi quattro mesi di quest’anno rispetto allo stesso periodo del 2019 pre-pandemia, ma le rapine e i furti sono diminuiti. Così come la criminalità nel sistema di transito, probabilmente a causa del calo dei passeggeri.

Brandon Goldgrub è tornato al suo ufficio in centro a luglio, ma solo nelle ultime settimane, ha notato che i marciapiedi sembrano di nuovo un po’ affollati.

“Ora sento che è molto più normale”, ha detto Goldgrub, 30 anni, un manager immobiliare.

In visita da Tallahassee, Florida, Jessica Souva si è guardata intorno a midtown e si è sentita speranzosa per la città dove viveva.

“Tutto quello che abbiamo sentito, in altre parti del paese, era che New York era una città fantasma, e questo non sembra così”, ha detto Souva, 47 anni. “Sembra una città in transizione”.

Post correlati

Share via
Copy link
Powered by Social Snap