Home » India: nuovo record giornaliero di decessi per il Covid
India: nuovo record giornaliero di decessi per il Covid

India: nuovo record giornaliero di decessi per il Covid

Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo
Getting your Trinity Audio player ready...

L’India mercoledì ha riportato più morti da coronavirus in un solo giorno di qualsiasi altro paese in qualsiasi momento durante la pandemia, mentre le infezioni hanno continuato a diffondersi attraverso vaste aree rurali con sistemi sanitari deboli.

Il Ministero della Salute ha riportato un record di 4.529 morti nelle ultime 24 ore, portando le vittime confermate dell’India a 283.248. Ha anche riportato 267.334 nuove infezioni, mentre i casi giornalieri sono rimasti sotto i 300.000 per il terzo giorno consecutivo. I numeri sono quasi certamente sottovalutati.

Il precedente record per la maggior parte dei decessi giornalieri dal coronavirus è stato stabilito il 12 gennaio negli Stati Uniti, quando 4.475 persone sono morte, secondo i dati della Johns Hopkins University.

Con oltre 25 milioni di casi dall’inizio della pandemia, le infezioni confermate in India sono seconde solo agli Stati Uniti.

Gli esperti dicono che le nuove infezioni in India, che erano state in forte aumento, potrebbero finalmente rallentare. Ma le morti hanno continuato ad aumentare e gli ospedali sono ancora affollati di pazienti. Nell’ultimo mese, i decessi del COVID-19 in India sono aumentati di sei volte.

Mentre le megalopoli come Mumbai e Nuova Delhi hanno visto segni di miglioramento negli ultimi giorni, c’è preoccupazione che il virus si stia diffondendo nelle vaste campagne dove vive la maggior parte della gente e dove l’assistenza sanitaria e i test sono limitati.

La situazione è particolarmente allarmante nell’Uttar Pradesh, lo stato più popoloso dell’India con 200 milioni di persone, dove un tribunale lunedì ha detto che i cittadini sono stati lasciati “alla mercé di Dio”. Anche se i nuovi casi sono diminuiti nell’ultima settimana, lo stato ha più di 136.000 infezioni attive confermate.

I funzionari governativi stanno correndo per limitare la diffusione del virus nei villaggi dello stato. Le squadre hanno raggiunto quasi 90.000 villaggi e il virus è stato rilevato in circa 21.000 di essi, l’agenzia di stampa Press Trust of India ha citato l’alto funzionario sanitario Amit Mohan Prasad.

Gli esperti di salute dicono che la vera estensione del virus è difficile da valutare, in parte a causa di dati deboli, e che la risposta del governo è arrivata troppo tardi.

“La storia nazionale ha nascosto ciò che stava accadendo nell’India rurale e continua ad essere abbastanza invisibile”, ha detto Murad Banaji, un matematico che modella i casi dell’India.

In molte parti dell’Uttar Pradesh, la gente sta morendo di febbre e dispnea anche prima di essere testata per il coronavirus. I crematori hanno finito la legna e centinaia di corpi si stanno lavando sulle rive del fiume Gange.

“Gli abitanti dei villaggi spesso ignorano la febbre e il mal di corpo. Prima che i parenti possano capire cosa sta succedendo, il paziente muore”, ha detto Raja Bhaiya del gruppo no-profit Vidya Dham Samiti, che lavora per aumentare la consapevolezza sulla pandemia nel distretto statale di Banda.

Bhaiya ha detto che “l’unica testimonianza di morte nel villaggio sono le grida di donne e bambini, e queste grida sono molto frequenti ora”.

Anche la campagna di vaccinazione dell’India sta vacillando proprio nel momento in cui è più necessaria. Il numero di dosi giornaliere somministrate è diminuito di circa la metà nelle ultime sei settimane, da un massimo di 4 milioni al giorno il 2 aprile a circa 2 milioni o meno questa settimana.

Molti stati dicono di non avere abbastanza vaccino da somministrare.

Post correlati

Share via
Copy link
Powered by Social Snap