Home » Capolavori dell’arte digitale: un JPEG da 69 milioni di dollari
Capolavori dell'arte digitale: un JPEG da 69 milioni di dollari

Capolavori dell’arte digitale: un JPEG da 69 milioni di dollari

Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo
Getting your Trinity Audio player ready...

L’artista digitale Mike Winkelmann, professionalmente noto come Beeple, ha appena venduto un NFT – un “token non fungibile”, un bene su una blockchain di criptovaluta – della sua immagine Everydays: the First 5000 Days all’asta da Christie’s per 69.346.250 dollari. Questa è la terza vendita all’asta più costosa di sempre di un’opera di un artista vivente.

Questo ha portato molta pubblicità, sia a Beeple che agli stessi NFT. Ma l’alta arte è un mondo strano, un mondo che per decenni si è basato sulla pubblicità, sui prezzi gonfiati, sulla convenienza di trasferire grandi somme di denaro attraverso acquisti nominali attraverso le frontiere, e su un crescente distacco da qualsiasi realtà fisica. Questo lo rende un abbinamento naturale per il mondo della blockchain.

La maggior parte dei cripto-asset, come i bitcoin, sono “fungibili” – non ti interessa quali particolari bitcoin hai, solo quanti bitcoin hai in totale. I token non fungibili sono individualmente unici e possono essere usati come un identificatore per un oggetto individuale. Un NFT è solo un puntatore, contenente un indirizzo web, o forse solo un numero. Una voce di indice, scarabocchiata con inchiostro immangiabile e dipendente dal fatto che tu non la perda fisicamente.

Le condizioni di vendita di Christie’s sono 33 pagine di caratteri minuscoli, ma alla fine ammettono che non state comprando alcun diritto d’autore o altri diritti – nemmeno di riproduzione – sull’immagine digitale. State comprando solo l’NFT stesso: un cripto-asset che contiene un puntatore a una copia del file dell’immagine digitale.

In altre parole, si compra un certificato di autenticità, ma non il lavoro autenticato da esso, solo i diritti di vantarsi di esso. Gli NFT sono una nuova versione dell’applicazione “I Am Rich” del 2008: una prima applicazione per iPhone che costava 999,99 dollari e non faceva altro che mostrare che ci si poteva permettere di spendere mille dollari.

Alex Rotter di Christie’s ha detto della vendita dei Beeple: “Abbiamo lasciato che il mercato decidesse il suo valore, non abbiamo spinto nessuno a offrire 60,25 milioni di dollari. La gente vuole Beeple e il mercato ha deciso”. Ma le parole “gente”, “mercato” e “valore” sono tutte discutibili in quella frase.

L’acquirente, conosciuto con lo pseudonimo di Metakovan, è legato ad un “fondo indice” NFT chiamato Metapurse. Questo fondo offre cripto-ken “B.20”, che sono azioni nel portafoglio di NFT di Metapurse, comprese le opere d’arte esistenti di Beeple. Beeple stesso ha una quota del 2% nel B.20. L’imprenditore di criptovaluta Vignesh Sundaresan ha ammesso di essere Metakovan giovedì, dopo precedenti smentite.

L’apparentemente multimilionario NFT è stato acquistato utilizzando ether (la valuta della blockchain Ethereum), non dollari. Le criptovalute funzionano creando nuove forme di fagioli magici digitali, poi convincendo i babbei che i fagioli magici non sono senza valore. Puoi sintetizzare un numero da prima pagina come 69 milioni di dollari molto più facilmente con i fagioli magici che con il denaro vero e proprio, specialmente quando possiedi i fagioli.

Niente di tutto questo è nuovo per il mondo dell’alta arte, che tira tutti gli stessi trucchi che sono diventati tristemente familiari dalla crittografia, ma sostenuti da denaro reale. La scultura del teschio ingioiellato di Damien Hirst For the Love of God è stata venduta nel 2007 per 100 milioni di dollari, secondo Hirst, in ogni caso. Ha detto che è stata comprata da un consorzio anonimo. Più tardi ha ammesso di essere un membro del consorzio.

La pandemia di COVID-19 ha devastato il mercato dell’arte, avendo fermato le aste dal vivo, le fiere d’arte e le mostre nelle gallerie; le vendite complessive sono scese del 22% nel 2020, e le vendite all’asta pubblica sono calate del 30%, secondo l’Art Basel e l’UBS Global Art Market Report. Non c’è da meravigliarsi che Christie’s volesse entrare nelle NFT.

Come le criptovalute, il mercato dell’arte di fascia alta è noto per il riciclaggio di denaro. Un’opera che si suppone commerciare sul valore estetico può essere usata per spostare grandi somme, spesso senza nemmeno spostare l’opera stessa dalla sua unità di stoccaggio a clima controllato nel porto franco di Ginevra o altri paradisi esentasse. Gettoni fisici di valore arbitrario, tra cui opere d’arte di Claude Monet, Jean-Michel Basquiat e Andy Warhol, sono stati uno dei modi in cui milioni di dollari sono stati spostati nello scandalo di corruzione malese 1MDB.

Se il mondo può essere convinto che gli NFT hanno un valore, allora i cripto-ken possono servire la stessa funzione di movimento di denaro dell’arte fisica, senza nemmeno la spesa di stoccaggio. Non importa che questo valore sia principalmente nel pubblicizzare il proprio lavoro o evitare l’occhio oneroso del fisco.

Gli obiettivi principali non sono nuovi. Il primo NFT degno di nota è stato il gioco CryptoKitties, creato alla fine del 2017 al culmine della precedente bolla bitcoin, che permetteva il commercio e la vendita di gatti dei cartoni animati. I token sono stati scambiati furiosamente tra cripto-traders annoiati, con titoli senza fiato che parlavano di immagini di gatti da 140.000 dollari. Naturalmente, i token non erano stati venduti per dollari, ma per ether che si supponeva avesse lo stesso valore, anche se non si potevano vendere 140.000 dollari di criptovaluta in un lotto per soldi veri senza deprimere seriamente il prezzo.

Post correlati

Share via
Copy link
Powered by Social Snap